Che cos’è l’ortopedia mentale?

L’ortopedia medica

Branca della Medicina

Ortopedia Medica

L’ortopedia medica è una branca della medicina che s’interessa delle alterazioni congenite o acquisite dell’apparato locomotore, della diagnosi e delle terapie di tutto ciò che riguarda le articolazioni, i muscoli e i tendini. E’ un settore importante per i traumi causati da incidenti sportivi e stradali e sotto quest’aspetto interessa parzialmente la psicologia se non come sostegno psicologico, volto a tollerare il dolore di fronte a situazioni disagiate di carattere prevalentemente medico.

Come nasce l’ortopedia mentale?

Branca della Psicologia

Ortopedia Mentale

L’ortopedia mentale nasce come tecnica d’intervento su bambini mentalmente ritardati per migliorare quelle disabilità cerebrali causate da fattori prenatali e postnatali. Personalmente l’ho applicata nelle scuole speciali italiane dal 1970 al 1980, a dire il vero con scarsi risultati, a causa delle situazioni ambientali poco idonee per il recupero, anche parziale, del deficit.

Chiuse le scuole speciali e inseriti i bambini svantaggiati nelle scuole dei normali, ho modificato e ampliato le tecniche d’intervento specifico, applicandole a tutti senz’alcuna distinzione, dalle scuole materne alle medie ottenendo ottimi risultati soprattutto nei campi dell’attenzione, della memoria, delle facoltà di orientamento e delle  varie sensibilizzazioni emotive.

La cosa più sorprendente è che oggi applico con successo questo metodo alle persone anziane che, a causa dell’età fisiologica, presentano un notevole calo della memoria, dell’orientamento e della percezione del Sé. Con orgoglio posso affermare che l’ortopedia mentale è un metodo di allenamento cerebrale con funzioni psicoterapeutiche, dall’infanzia alla vecchiaia perché va a sollecitare quelle capacità dormienti che abitualmente si generano in ogni essere umano, per pigrizia mentale, insufficienza dell’attenzione e scarso interesse per la vita.

Rinforzo mentale e nutrimento della memoria

rinforzo mentale

Ho potuto costatare che l’allenamento mentale non serve soltanto a migliorare le capacità logico-matematiche, ma anche a rinforzare la mente e a nutrire la memoria per facilitare i ricordi e scuotere le abilità psicomotorie per meglio destreggiarsi.

Salendo, infatti, dall’apparato locomotore che sostiene il peso del cervello, alla testa che contiene le competenze psicologiche, l‘ortopedia mentale si pone in stretto contatto con le facoltà del pensiero, del giudizio e del ragionamento e diventa una tecnica di allenamento cerebrale per bambini, adulti e anziani.

In questo senso, l’ortopedia mentale entra in tutti i processi del pensiero nelle sue varie funzioni: dall’iperattività del corpo, alla pigrizia che lo rende inattivo; dallo sforzo della mente, al rinforzo delle capacità attitudinali; dalla sveltezza del calcolo alla scarsa attività intellettiva.

Non è solo una tecnica, ma anche un metodo che, se da un lato rinforza la mente, dall’altro ne determina anche una pianificazione per regolarne le funzioni, esattamente come agisce l’ortopedia medica quando suggerisce al paziente infortunato, esercizio o riposo fisico.